RMP7 Cayo Arena. Puerto Plata

Sole, mare cristallino, spiagge borotalco, natura rigogliosa: cresce la voglia di viaggiare.

Sognare ad occhi aperti di passeggiare lungo spiagge dorate, bagnate da acque cristalline, incorniciate da palme e natura tropicale. In Repubblica Dominicana il sogno è la realtà. L’isola caraibica è la destinazione perfetta per un viaggio lontano dalla folla, totalmente immersi nella natura.

Sospesa tra il Mar dei Caraibi e l’Oceano Atlantico è un paradiso dell’ecoturismo ed una destinazione attiva. Ecco 4 tappe da non perdere per scoprire l’anima verde dell’isola. Il selvaggio Sud ovest tra Pedernales e Barahona è ricco di lagune, foreste tropicali secche, isole coralline, riserve, quali il parco nazionale Jaragua riserva della biosfera Unesco, e spiagge di una bellezza commovente, tra cui Bahía de las Águilas a Pedernales una delle più belle di tutta la Repubblica Dominicana e del mondo.

Nella zona si concentrano meraviglie come la laguna salata di Oviedo con le sue isole coralline popolate da aironi, fenicotteri e pellicani. Seconda tappa è Puerto Plata, a nord, un’altra provincia ricca di attrazioni naturali, dai parchi naturali, cascate, percorsi in montagna fino alle spiagge dorate. Cabarete, nei dintorni, è la meta per eccellenza per gli appassionati di surf, kite e windsurf da tutto il mondo grazie alla posizione geografica favorevole sull’Oceano Atlantico e presenza di una baia protetta dalla barriera corallina.

A nord est dell’isola, una meta perfetta per vivere una vacanza in famiglia a contatto con la natura è la penisola di Samanà ricca di cascate, parchi naturali e mangrovie. Proprio qui tra gennaio e marzo è uno dei migliori posti al mondo per l’avvistamento delle balene con la gobba, che si riproducono nelle acque calde della baia e passano così vicine alla costa.

Il gioiello del nord ovest è Montecristi, paradiso del birdwatching, un territorio che si tenta di salvaguardare grazie a nove aree protette. El Morro, un promontorio roccioso alto 242 metri sul livello del mare – chiamato il “dromedario che dorme”, regala panorami unci, tra i quali un bosco secco subtropicale circondato da una fitta foresta di banchi di mangrovie che si può percorrere a piedi oppure via mare attraverso una rete di canali navigabili.

Per maggiori informazioni: https://www.godominicanrepublic.com/


https://www.italiatravelworld.it/articolo/1656-repubblica-dominicana-un-sogno-tropicale

Inizia a digitare e premi il tasto Invio per cercare:

Send this to a friend