PERCHE’ ANDARE A BARAHONA.

Ci vogliono ore di strada attraverso percorsi sterrati in mezzo alla giungla, che si dipanano lungo fiumi e paesaggi incredibili per raggiungere Barahona, una delle 32 province della Repubblica Dominicana. Si trova ad oltre 200 chilometri a sud ovest dalla capitale Santo Domingo ed è il vero paradiso perché qui non sono ancora arrivati i turisti. E infatti i prezzi delle abitazioni, sia in affitto che in vendita, sono piuttosto bassi. Qua a fare da padrona è la natura, con le splendide baie poco affollate, i laghi popolati da fenicotteri, coccodrilli americani e colibrì. Un lembo di terra non ancora intaccato dai resort tutto compreso e per questo dotato di un fascino fuori dal comune. Ideale, quindi, per scoprire il volto più autentico della Repubblica Dominicana, quello fatto dai ritmi tranquilli, dalle giornate che scorrono piacevoli al ritmo della natura e da un approccio ecosostenibile.

Scopri di più su Santo Domingo.

COSA FARE: ESCURSIONI E SPIAGGE.

Per andare alla scoperta di questa parte dell’isola, nel sud ovest del paese, oltre alle spiagge da sogno ci sono 4 affascinanti sentieri eco-turistici da scoprire a piedi, a cavallo o in bicicletta. Il Sentiero de la Virgen, nel comune de la Ciénaga, è lungo di sette chilometri e attraversa un bosco subtropicale umido incontaminato. Tocca una spettacolare cascata di acqua dolce fino ad arrivare alla Cueva de la Virgen, cavità naturale nella quale si immerge un fiume. Il Sentiero Casa de Tarzan è lungo una decina di chilometri, ideale da percorrere in sella a una mountain bike. La Ruta del Cafè, nel comune di Polo, offre l’opportunità di visitare una piantagione dove si produce caffè biologico di alta qualità. La passeggiata prosegue per il rifugio El Cachote a Paraíso, nel mezzo della foresta del Parque Nacional Sierra de Bahoruco. La Bici Ruta, nei dintorni di Paraiso, è un percorso tracciato proprio per gli amanti del biking. Le spiagge principali sono quattro. Superata l’ampia baia di Barahona si incontrano le ampie e rilassanti spiagge di San Rafael, Paraíso e Los Patos. Proseguendo verso il confine haitiano si incontra la splendida Bahía de las Águilas, ritenuta la più bella di tutta l’isola e dichiarata parco nazionale. Parte del suo fascino è dato anche dal fatto che si può raggiungere sono in fuoristrada o in barca. E’ infatti completamente disabitata e popolata solo da iguane, colonie di uccelli, tartarughe marine e pesci tropicali.

Repubblica Dominicana, un platano fritto per antipasto

DA SAPERE
Altre escursioni interessanti sono quelle alle miniere di alluminio abbandonate di Cabo Rojo e al Lago Enriquillo, il più grande di tutte le Antille, le cui rive sono popolate da caimani e iguane. Una gita al Parque nacional Isla Cabritos, sull’isola posta nel centro del lago, permette di ammirare  un centinaio di diverse specie vegetali e 60 uccelli stanziali e migratori, tra i quali fenicotteri rosa e colibrì.


Barahona, l’altra Repubblica Dominicana

Start typing and press Enter to search

Send this to a friend